Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

In partenza il settembre astigiano tra Palio e Douja, CONFCOMMERCIO in prima linea per il territorio.

Il “settembre astigiano” è alle porte con tante iniziative tra il nostro Palio che riprende dopo due anni di stop,la Douja ed il festival delle sagre.
Confcommercio Asti è in prima linea per le imprese ed il territorio in questo settembre “della ripartenza” per dare visibilità alle iniziative e manifestazioni che caratterizzano da sembre questo periodo emblematico per la città.
La Confcommercio promuoverà ed allestirà le vetrine dei negozi in collaborazione con i due Consorzi rispettivamente quello della Barbera e dell’Asti per valorizzare i vini del territorio e dare colore alle vie del centro durante le manifestazioni,inoltre, come già avvenuto nel 2019 insieme a Confcommercio Terziario Donna, unitamente a Confcommercio Giovani e FIMAA, ha riproposto l’allestimento di vetrofanie pubblicitarie nei negozi sfitti per il nostro settembre attuando così una politica di riqualificazione urbana.
Una importante novità di questo settembre sarà la collaborazione con l’Unione Industriale all’interno di palazzo Ottelenghi che ospiterà il salone del Vermouth dal 9 al 18 settembre dove Confcommercio proporrà una degustazione di salumi tipici e carne cruda battuta al coltello dall'Antica Salumeria - Pipil di Costigliole d’Asti da sempre un'eccelenza gastronomica del territorio.
Il Direttore di Confcommercio Asti Claudio Bruno:”Questo è un settembre che dovrà essere connotato come quello della ripartenza noi come associazione siamo in prima linea anche in qualità di partner stabili del distretto urbano del commercio della città di Asti.”continua Claudio Bruno :”La mission di Confcommercio Asti durante gli eventi più importanti della città è quella di dare visibilità al nostro territorio e renderlo attrattivo per i turisti. La visibilità è uno strumento che permetterà l’incremento di presenze in città utile per le nostre imprese

WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56
WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 3

WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 2
WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 1

 

palio-img logo douja PROGRAMMA-douja

Aliquote IMU 2013

Il Comune di Asti comunica che le aliquote IMU per l’anno 2013 sono state approvate con delibera del consiglio comunale

n. 10 del 10 aprile 2013 (pubblicata sul sito istituzionale dell’ente in data 16 aprile 2013 ed allegata alla presente comunicazione), fatto salvo quanto previsto dal decreto legge n. 54 del 21 maggio 2013, dal decreto legge n.102 del 31 agosto 2013 e dal decreto legge n.133 del 30 novembre 2013.

Si precisa che le fattispecie interessate dall'abolizione della seconda rata dell'IMU, ai sensi dell'articolo 1 del decreto legge 30 novembre 2013, n. 133:

non sono state oggetto di variazione di aliquote per l'anno 2013 rispetto all'anno 2012 (ad eccezione dell'unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti in Italia e non locata, per la quale è stata cancellata per il 2013 l'assimiliazione all'abitazione principale);
non rientrano nel calcolo del conguaglio (c.d. "mini-Imu") da versare entro il 16 gennaio 2014, a norma dell'articolo 1, comma 5, del decreto legge n. 133 del 2013, in quanto il Comune di Asti, per gli immobili oggetto di abolizione 2^ rata IMU, ha deliberato aliquote e detrazioni pari od inferiori a quelle di base previste dalle norme statali.
Relativamente ai terreni agricoli, non è dovuta la seconda rata IMU per l'anno 2013 se gli stessi sono posseduti e condotti da coltivatori diretti e da imprenditori agricoli professionali iscritti nella previdenza agricola. Resta invece dovuta la seconda rata per i terreni agricoli posseduti dai "non agricoltori".

In allegato la delibera e la tabella aliquote

Torna in alto

CASSA DI RISPARMIO

 

z1a