Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Roma – Assemblea Nazionale di Confcommercio

Aumento dell'Iva, 80 euro, ripresa…. c’è diversità di vedute

Il premier interviene all’assemblea dei commercianti e promette: “Niente aumenti Iva”. Reazioni diverse, prima la contestazione, poi qualche applauso. Duro il presidente Sangalli: “Su ripresa manca cambio di passo, dubbio che crisi sia alle spalle”.

È scontro tra il premier Matteo Renzi e i commercianti all'assemblea annuale di Confindustria. Il presidente, Carlo Sangalli, nel suo intervento va all'attacco del governo, dicendosi dubbioso sulla ripresa. Netta la replica del premier. "Fischiatemi pure ma io difendo la buona politica".

Sangalli, ripresa senza slancio
«Siamo di fronte ad una ripresa senza slancio e senza intensità. Una ripresa senza mordente che non salta mai la faglia, il crepaccio tra stagnazione e crescita. Il nostro Paese ha ancora molta strada da fare, ma ha certamente le carte in regola per fare meglio». Così il presidente Confcommercio Carlo Sangalli. In 12 mesi, «occupazione, consumi, produzione, fiducia, credito, hanno seguito un andamento altalenante non riuscendo a imprimere un cambio di passo». Molti dati mettono in dubbio "il teorema che la crisi sia soltanto un brutto ricordo".

Il discorso del premier
«Fischiatemi pure se avete il coraggio ma la politica deve essere con la P maiuscola, dovete credere nella politica e l'atteggiamento di chi dice tutti uguali fa il vostro male, non il vostro bene» Queste le parole di Renzi all'assemblea di Confcommercio, replicando a chi dalla platea lo contestava chiedendogli anche di "tagliarsi lo stipendio".«Prendo l'impegno per voi irrinunciabile per la crescita nel 2017 di non aumentare l'Iva. Ma l'Iva non si tocca più dal 2013, le clausole non sono mai state toccate dal nostro governo, l'ultimo aumento è scattato nell'ottobre di quell'anno, noi siamo in carica dal febbraio 2014».

Commercianti criticano gli 80 euro; Renzi, li rivendico
«Grandissimo rispetto per chi ritiene gli 80 euro una mancia elettorale, sono contento di averli dati. È una valutazione che rispetto». Lo ha detto il presidente del Consiglio Matteo Renzi all'assemblea di Confcommercio. Le parole del premier sono state accolte da fischi e 'buu'. "Che non fossero apprezzati da voi lo sapevamo da tempo ma è una misura di giustizia sociale“.

Torna in alto