Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

In partenza il settembre astigiano tra Palio e Douja, CONFCOMMERCIO in prima linea per il territorio.

Il “settembre astigiano” è alle porte con tante iniziative tra il nostro Palio che riprende dopo due anni di stop,la Douja ed il festival delle sagre.
Confcommercio Asti è in prima linea per le imprese ed il territorio in questo settembre “della ripartenza” per dare visibilità alle iniziative e manifestazioni che caratterizzano da sembre questo periodo emblematico per la città.
La Confcommercio promuoverà ed allestirà le vetrine dei negozi in collaborazione con i due Consorzi rispettivamente quello della Barbera e dell’Asti per valorizzare i vini del territorio e dare colore alle vie del centro durante le manifestazioni,inoltre, come già avvenuto nel 2019 insieme a Confcommercio Terziario Donna, unitamente a Confcommercio Giovani e FIMAA, ha riproposto l’allestimento di vetrofanie pubblicitarie nei negozi sfitti per il nostro settembre attuando così una politica di riqualificazione urbana.
Una importante novità di questo settembre sarà la collaborazione con l’Unione Industriale all’interno di palazzo Ottelenghi che ospiterà il salone del Vermouth dal 9 al 18 settembre dove Confcommercio proporrà una degustazione di salumi tipici e carne cruda battuta al coltello dall'Antica Salumeria - Pipil di Costigliole d’Asti da sempre un'eccelenza gastronomica del territorio.
Il Direttore di Confcommercio Asti Claudio Bruno:”Questo è un settembre che dovrà essere connotato come quello della ripartenza noi come associazione siamo in prima linea anche in qualità di partner stabili del distretto urbano del commercio della città di Asti.”continua Claudio Bruno :”La mission di Confcommercio Asti durante gli eventi più importanti della città è quella di dare visibilità al nostro territorio e renderlo attrattivo per i turisti. La visibilità è uno strumento che permetterà l’incremento di presenze in città utile per le nostre imprese

WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56
WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 3

WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 2
WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 1

 

palio-img logo douja PROGRAMMA-douja

Confcommercio e Confindustria dicono no al commissariamento di Enasarco

La richiesta di commissariare l'ente di previdenza degli agenti di commercio e dei promotori finanziari

inviata al ministro del Lavoro, Giuliano Poletti, viene valutata con sorpresa e stupore da Carlo Sangalli, presidente di Confcommercio, e Giorgio Squinzi, presidente di Confindustria.

"La Fondazione Enasarco - dicono i due presidenti - ha una solida tenuta finanziaria tale da assicurare l'erogazione delle pensioni attuali e di quelle future. I nuovi investimenti che la Fondazione ha effettuato hanno generato migliori rendimenti e la governance degli investimenti finanziari è stata completamente ristrutturata riducendo, per tutte le nuove operazioni, l'esposizione verso singoli gestori o per specifici prodotti d'investimento (contestualmente ad un progressivo rientro nei nuovi limiti di concentrazione anche per le operazioni pregresse). Fondazione Enasarco è stata la prima e, per ora, unica cassa di previdenza privatizzata a dotarsi di uno strumento di questo tipo per la gestione delle risorse finanziarie. Anche il piano di dismissione degli immobili Enasarco sta procedendo positivamente con una plusvalenza realizzata sulle vendite degli immobili superiore al 30% del valore di bilancio".

Di fronte agli importanti cambiamenti di indirizzo strategico e gestione operativa che Fondazione Enasarco sta compiendo, "la richiesta di commissariamento – concludono i presidenti di Confcommercio e Confindustria – appare quindi ingiustificata e allarmistica. Un tentativo di mettere in discussione il valore di rappresentanza delle parti sociali che garantisce l'autonomia dell'ente a tutela dei suoi iscritti".

Torna in alto

CASSA DI RISPARMIO

 

z1a