Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

In partenza il settembre astigiano tra Palio e Douja, CONFCOMMERCIO in prima linea per il territorio.

Il “settembre astigiano” è alle porte con tante iniziative tra il nostro Palio che riprende dopo due anni di stop,la Douja ed il festival delle sagre.
Confcommercio Asti è in prima linea per le imprese ed il territorio in questo settembre “della ripartenza” per dare visibilità alle iniziative e manifestazioni che caratterizzano da sembre questo periodo emblematico per la città.
La Confcommercio promuoverà ed allestirà le vetrine dei negozi in collaborazione con i due Consorzi rispettivamente quello della Barbera e dell’Asti per valorizzare i vini del territorio e dare colore alle vie del centro durante le manifestazioni,inoltre, come già avvenuto nel 2019 insieme a Confcommercio Terziario Donna, unitamente a Confcommercio Giovani e FIMAA, ha riproposto l’allestimento di vetrofanie pubblicitarie nei negozi sfitti per il nostro settembre attuando così una politica di riqualificazione urbana.
Una importante novità di questo settembre sarà la collaborazione con l’Unione Industriale all’interno di palazzo Ottelenghi che ospiterà il salone del Vermouth dal 9 al 18 settembre dove Confcommercio proporrà una degustazione di salumi tipici e carne cruda battuta al coltello dall'Antica Salumeria - Pipil di Costigliole d’Asti da sempre un'eccelenza gastronomica del territorio.
Il Direttore di Confcommercio Asti Claudio Bruno:”Questo è un settembre che dovrà essere connotato come quello della ripartenza noi come associazione siamo in prima linea anche in qualità di partner stabili del distretto urbano del commercio della città di Asti.”continua Claudio Bruno :”La mission di Confcommercio Asti durante gli eventi più importanti della città è quella di dare visibilità al nostro territorio e renderlo attrattivo per i turisti. La visibilità è uno strumento che permetterà l’incremento di presenze in città utile per le nostre imprese

WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56
WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 3

WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 2
WhatsApp Image 2022-08-30 at 14.17.56 1

 

palio-img logo douja PROGRAMMA-douja

Contributi a fondo perduto per le micro imprese di Canelli

La Città di Canelli, fra ¡ soli 11 Enti ammessi in tutta fa Regione Piemonte

 e unico Comune della Provincia di Asti, è risultata vincitrice dì un bando regionale, ai sensi della misura 5 di cui alia D.G.R. N. 20-587 de! 18.11.2014, che prevede un investimento pubblico di 500.000 euro per la riqualificazione di un "Percorso Urbano del Commercio" che, partendo dalle cantine storiche Contratto percorrerà in successione via Giovanni Battista Giuliani, piazza Amedeo d'Aosta e via XX Settembre, piazza Cavour, i portici del condominio Eliseo, per proseguire attraverso piazza Zoppa oltre il torrente Belbo dove, percorrendo corso Libertà, giunge alle storiche cantine Gancia ed all'Enoteca regionale.

La Regione Piemonte, nell'ambito di simili progetti e con apposito bando già pubblicato, prevede inoltre la possibilità, per le micro-imprese commerciali e artigianali ubicate nel "Percorso" di ottenere contributi a fondo perduto sino a 10,000 euro e sino al 50% della spesa ritenuta ammissibile.
A titolo di esempio, le spese che saranno ritenute ammissibili sono legate all'esteriorità degli esercizi, ad esempio: 1. illuminazione esterna, tende e insegne; 2. rifacimento di facciate di immobili e di porticati (intonacatura e tinteggiatura) per la porzione su cui si affacciano gli esercizi; 3. sistemazione di vetrine, comprese le serrande; 4. sistemazione di dehors, compreso l'acquisto di sedie, tavoli e fioriere per uso esterno; 5. sistemazione di chioschi.
Soggetti beneficiari: microimprese (ai sensi del DM 18 aprile 2005) avente sede operativa nel perimetro del "Percorso Urbano del Commercio" sopra descritto ed esercenti la vendita al dettaglio, così come definita aìi'art.4, c.l, lett. b) e all'art. 27, c.l, lett. a) del Decreto Legislativo 31/3/98, n.114. Sono escluse le imprese operanti nei settori di cui all'art. 4, c.2 del D.Lgs 114/98 fatta eccezione per: le farmacie; i titolari di rivendita di generi di monopolio; gli artigiani iscritti all'albo di cui all'art. 23 della L.R. 14/01/2009, n. 1 (Testo Unico in materia di Artigianato).
Sono altresì ammesse ai contributi le microimprese di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande, così come disciplinato dalla L.R. 38/2006; gli esercenti per fa rivendita di giornali e riviste, così come disciplinata dal D.Lgs. 24/4/2001, n. 170 e smi; le attività di produzione, organizzazione e intermediazione di viaggi, così come disciplinata dalla L.R. 30/3/88, n. 15.
Vista l'importanza di un simile progetto e in virtù di possibili contributi a fondo perduto destinati alle Aziende, l'Amministrazione Comunale ha fissato un incontro pubblico per meglio delineare le opportunità sopra descritte e le prossime 

Torna in alto

CASSA DI RISPARMIO

 

z1a