Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Fondazione ENASARCO: variazioni contributive per l’anno 2015

Variazione dei massimali provvigionali e dell’aliquota contributiva per l’anno 2015

I massimali provvigionali e l’aliquota contributiva

per le provvigioni di competenza del 2015 sono:
- Agente plurimandatario:
Il massimale provvigionale annuo (vale a dire l’ammontare delle provvigioni fino al quale si applica l’aliquota contributiva) per ciascuna casa mandante è pari ad Euro 25.000,00. In precedenza ammontava a Euro 23.000,00;
- Agente monomandatario:
Il massimale provvigionale annuo (vale a dire l’ammontare delle provvigioni fino al quale si applica l’aliquota contributiva) è pari ad Euro 37.500,00. In precedenza ammontava a 35.000,00.
L’aliquota contributiva è stabilita nella misura del 14,65% (di cui il 7,325% a carico della casa mandante e il 7,325% a carico
dell’agente).
Ricordiamo che il contributo previdenziale obbligatorio è da calcolarsi su tutte le somme dovute all’agente e a qualsiasi titolo
corrisposto in dipendenza del rapporto di agenzia ancorché non liquidate.

Contributi Assistenziali per gli agenti operanti in forma di società di capitali per l’anno 2015

Per gli agenti operanti in forma di società di capitali (Spa, Srl) la ditta mandante deve versare un contributo assistenziale. Il contributo è da calcolarsi su tutte le somme, ancorché non liquidate, che spettano all’agente a qualsiasi titolo, compresi acconti e premi.
L’aliquota contributiva è a carico sia del preponente che dell’agente nella seguente misura:
Provvigioni annue fino a euro 13.000.000,00
3,60% (2,80 % a carico preponente + 0,80% a carico dell’agente)
Provvigioni annue da euro 13.000.000,01 a euro 20.000.000,00
1,80% (1,40% a carico preponente + 0,40% a carico dell’agente)
Provvigioni annue da euro 20.000.000,01 a euro 26.000.000,00
0,90% (0,70% a carico preponente + 0,20% a carico dell’agente)
Provvigioni annue oltre euro 26.000.000,00
0,40% (0,25% a carico preponente + 0,15% a carico dell’agente)

INSERIMENTO IN FATTURA DEL CONTRIBUTO ASSISTENZIALE

Il contributo assistenziale a carico dell’agente dovrà essere indicato in fattura come componente negativa. Per l’anno 2015, ad esempio, verrà esposto in fattura un contributo assistenziale pari allo 0,80% delle provvigioni fatturate (per provvigioni inferiori a 13 milioni di Euro). La base imponibile dell’Iva e quella della ritenuta d’acconto sono da calcolare al lordo di tale contributo assistenziale.

Torna in alto