Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Norme e sanzioni per l'utilizzo di borse non biodegradabili

Il D.L. n. 2/2012, come modificato dal D.L. 24 giugno 2014, n. 91,

convertito con modificazioni dalla L. 11 agosto 2014, n. 116, prevede importanti sanzioni amministrative pecuniarie per chiunque trasgredisca al divieto di commercializzare, vendere, distribuire (anche gratuitamente) le buste di plastica monouso non biodegradabili e compostabili, che in particolare non rispettano la norma europea EN 13432:2002.
La norma prevede infatti il pagamento di una "somma da 2.500 a 25.000 Euro, aumentata fino al quadruplo del massimo se la violazione del divieto riguarda quantità ingenti di sacchi per l'asporto oppure un valore della merce superiore al 20% del fatturato del trasgressore".
Dal tenore letterale della norma "all'accertamento delle violazioni provvedono, d'ufficio o su denunzia, gli organi di polizia amministrativa. Il rapporto previsto dall'articolo 17 della legge n. 689 del 1981 e' presentato alla camera di commercio, industria, artigianato e agricoltura della provincia nella quale e' stata accertata la violazione".

In allegato un utile prospetto realizzato da Assobioplastiche per poter riconoscere le varie tipologie di borse (utilizzabili e vietate).

Torna in alto