Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Obbligo di comunicazione "MOCA"

Comunicazione relativa agli stabilimenti che eseguono le attività riguardanti materiali e oggetti destinati a venire a contatto con gli alimenti (MOCA)

ai sensi dell’art. 6 del d.lgs. 10.2.17 n. 29

 I materiali ed oggetti a contatto con gli alimenti (MOCA), tra i quali rientrano ad esempio contenitori per il trasporto degli alimenti, macchinari per la trasformazione dei prodotti alimentari, materiali da imballaggio, utensili da cucina e posate e stoviglie, dovrebbero essere sufficientemente inerti da evitare che i loro componenti incidano negativamente sulla salute del consumatore o influenzino la qualità degli alimenti.

Al fine di consentire l’effettuazione di controlli ufficiali conformemente alle disposizioni vigenti gli Operatori del Settore economici del settore Moca (ad eccezione degli stabilimenti in cui si svolge esclusivamente l’attività di distribuzione al consumatore finale), devono comunicare all’autorità sanitaria competente gli stabilimenti che eseguono le attività di cui al Regolamento (Ce) 2023/2026. ”Il presente regolamento si applica a tutti i settori e a tutte le fasi di produzione, trasformazione e distribuzione di materiali e oggetti che trasferiscono ai prodotti alimentari componenti in quantità tale da costituire un pericolo per la salute”

La comunicazione deve essere effettuata tramite inoltro al Suap del modello entro il 2 agosto 2017.

Le nuove attività dovranno effettuare tale comunicazione tramite Suap contestualmente all’apertura utilizzando il modello allegato.

La mancata comunicazione è punita con sanzione amministrativa pecuniaria del pagamento di una somma da euro 1.500 a euro 9.000

In allegato il modello di comunicazione e la direttiva regionale.

Gli uffici Confcommercio sono a disposizione per informazioni e chiarimenti.

Torna in alto