Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Sede di Canelli

Agosto 29, 2012

Sede di Canelli

   

Servizi e consulenze

Giugno 16, 2013

Servizi e consulenze

Ai propri Associati, l' ASCOM presta gratuitamente, o a condizioni di assoluto favore, un pacchetto ...

ASCOM SERVIZI srl

Luglio 02, 2013

ASCOM SERVIZI srl

La Ascom Servizi srl è localizzata ad Asti. Società di servizi della Confcommercio Asti impegnata da...

Responsabile tecnico tintolavanderia

In attesa di attivazione corsi di qualificazione ex art. 2 comma 2 lett. a) Legge 84/2006, così come modificato da D.L. 135/2018.

La legge 84/2006 reca i principi fondamentali di disciplina dell'attività di tintolavanderia.
L'esercizio dell'attività è soggetto a segnalazione certificata di inizio attività da presentare, al Comune, tramite lo sportello Unico per le attività produttive, fatte salve le autorizzazioni comunque denominate, necessarie in base alla normativa in materia ambientale e sanitaria (art. 79, comma 1 del D.lgs 59/2010).
Per l'esercizio dell'attività professionale di tintolavanderia le imprese devono designare un responsabile tecnico in possesso di apposita idoneità professionale comprovata dal possesso di almeno uno dei requisiti di cui all'art. 2 comma 2 della legge 84/2006.
In sede di Conferenza delle Regioni e delle Province Autonome il 25 maggio 2011 è stato siglato l'Accordo recante "Linee guida delle Regioni per la qualificazione professionale del responsabile tecnico di tintolavanderia (11/70/CR8d/C9)" disciplinante i corsi di qualificazione tecnico professionale di cui alla L. 84/2006, finalizzati al conseguimento dell'idoneità professionale del responsabile tecnico ai sensi dell'art. 2, comma 2, lettera a) della predetta legge.
Successivamente il 20 dicembre 2012 è stato adottato l'Accordo recante "Titoli dì studio abilitanti per responsabile tecnico di tintolavanderia (12/185/CR6/C9)"
La L.R. 8/2013, agli articoli 34 e 39 ha disciplinato l'esercizio dell'attività di tintolavanderia in attuazione di quanto previsto dalla L. 84/2006.
Con D.G.R. n. 27-6510 del 14/10/2013 sono stati recepiti (allegati 1 e 2) gli accordi della Conferenza delle Regioni sopra citati e sono stati approvati. 

Torna in alto