Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Sede di Canelli

Agosto 29, 2012

Sede di Canelli

   

LA GRANDA S.r.l. - RECUPERO OLI ESAUSTI

Giugno 24, 2013

LA GRANDA S.r.l. - RECUPERO OLI ESAUSTI

Recupero oli esausti con remunerazione ai soci, in base alla quantità conferita

CONFCOMMERCIO:"IL DECRETO SOSTEGNI BIS LE PRINCIPALI NOVITA'"

IL DECRETO SOSTEGNI BIS CLICCA QUI

 

Il decreto Sostegni bis vale 40 miliardi

Dopo il via libera definitivo della Camera al primo decreto legge Sostegni, il provvedimento finanziato con i 32 miliardi dello scostamento di bilancio autorizzato dal Parlamento nel gennaio scorso, il consiglio dei ministri ha approvato il decreto Sostegni Bis che introduce importanti novità per il Paese: aiuti a famiglie e imprese con attenzione alle filiere industriali più colpite dalle chiusure. Il decreto, lievitato a una settantina di articoli negli ultimi giorni, stanzia 40 miliardi di euro e si concentra in modo particolare sul mondo del lavoro. Ecco cosa sapere.

Gli aiuti alle imprese

Nel Sostegni bis, che prevede 15,4 miliardi per le imprese, cambia la macchina degli indennizzi. Lo schema dedicati sarà «in due tempi» e prevede subito la replica dei contributi automatici a fondo perduto sulla base della perdita di almeno il 30% del fatturato tra il 2019 e il 2020. Prevista poi un’integrazione per le chiusure dei primi tre mesi dell’anno (in totale circa 14 miliardi) e poi un fondo di perequazione per garantire un conguaglio di fine anno sulla base dei risultati di esercizio. Al fondo saranno destinati 4 miliardi aggiuntivi. Parte di questo fondo servirà per risarcire le attività che resteranno chiuse e che non fatturano da mesi, come sale gioco e discoteche, per le quali si ragiona su una sorta di forfait, come detto dal ministro dello Sviluppo economico, Giancarlo Giorgetti.

Il pacchetto lavoro: il contratto di ri-occupazione

Il pacchetto lavoro vale fino a 6 miliardi. Il governo prevede una serie di interventi volti a scongiurare le conseguenze della fine del blocco dei licenziamenti. Una novità particolarmente rilevante è il contratto a tempo indeterminato di rioccupazione. Uno strumento incentivato con l’esonero contributivo al 100%, fino a 6mila euro su base annua, per la durata di sei mesi per reinserire i disoccupati nel mercato del lavoro. L’esonero dal versamento dei contributi è cumulabile con altri incentivi, si pensi ad esempio agli sgravi fiscali per le assunzioni di giovani e donne. C’è un però. Se al termine del periodo di prova il lavoratore non viene assunto l’impresa è tenuta a restituire per intero l’agevolazione di cui ha beneficiato, inoltre l’esonero dei contributi vale solo se il datore di lavoro nei sei mesi precedenti l’assunzione non ha effettuato licenziamenti. Inserita nel testo anche una norma «anti licenziamenti». La novità, voluta dal ministro del Lavoro Andrea Orlando, non figurava nella bozza in ingresso e sarebbe stata introdotta nel testo nel corso della riunione del governo odierna. Per le aziende che chiedono la cassa Covid entro fine giugno, il blocco dei licenziamenti è poi prorogato al 28 agosto. Dal primo luglio invece le aziende che utilizzano la cassa ordinaria non dovranno pagare le addizionali a condizione che non licenzino, riferiscono fonti di Governo.

Contratto di solidarietà

Per il comparto commercio e turismo viene reintrodotto lo sgravio contributivo per le imprese che non richiedono la cassa integrazione pur avendone usufruito in precedenza. Tra le proposte del ministro Orlando anche quella di prevedere per le aziende che a giugno vedranno sbloccati i licenziamenti, e che hanno registrato un calo del 50% del fatturato, la possibilità di stipulare un contratto di solidarietà che porterebbe la retribuzione al 70% (ad oggi è al 60%). Un modo per evitare licenziamenti di massa.

Contratto di espansione

Novità anche per il contratto di espansione che consente di uscire dal lavoro su base volontaria fino a 5 anni prima della pensione di vecchiaia (67 anni di età) o di anzianità (42 anni e 10 mesi di contributi). Si valuta, in breve, di estendere la platea delle aziende che possono usufruirne per favorire il ricambio generazionale. L’idea presentata nella bozza del testo è abbassare la soglia minima, che consente l’utilizzo del contratto di espansione alle aziende con almeno 250 lavoratori, a 100 dipendenti.

Reddito di emergenza

Il reddito di emergenza sarà rifinanziato per quattro mensilità in modo da non privare i beneficiari di un sostegno al reddito nel periodo di emergenza sanitaria. La misura dovrebbe quindi durare fino a settembre 2021.

Sanità: 3 miliardi

Nell’elenco degli interventi predisposti nelle ultime ore previsto anche uno stanziamento di 2-3 miliardi per la sanità. Miliardi che serviranno a coprire le esigenze del commissario Figliuolo per le vaccinazioni (1,5 miliardi), smaltimento delle liste di attesa (500 milioni), fondi per vaccini e ricerca, ma anche per istituire il nuovo codice di esenzione dal ticket per il monitoraggio di chi è stato ricoverato dopo il contagio.

Stop alle cartelle fiscali

Prevista anche la proroga di un altro mese, al 30 giugno, del termine di sospensione delle cartelle fiscali e dei pignoramenti, che un comunicato del Mef fissava al 31 maggio. Mentre non dovrebbe rientrare la possibilità di rateizzazioni ultra-diluite fino a 10 anni per le imprese che hanno perso almeno il 30% del fatturato a causa del Covid

Assunzioni di medici per la sicurezza sul lavoro

«Nel nuovo decreto legge Sostegni abbiamo previsto l’assunzione a tempo indeterminato di una prima quota di medici e tecnici della prevenzione nei luoghi di lavoro. E’ un segnale giusto proprio oggi, nel giorno in cui ricorre il 41esimo anniversario dello Statuto dei lavoratori, una delle norme più importanti del nostro Paese». Lo ha scritto sui social il ministro della Salute, Roberto Speranza

Incentivi auto green

Nel dl anche il rifinanziamento degli incentivi per l’acquisto di auto poco inquinanti fino alla fine dell’anno. Si parla di un «congruo rifinanziamento proprio per gli incentivi per l’acquisto di auto con emissioni di CO2 da 61 a 135 gr/km. E ciò sia per la parte restante del primo semestre che per la seconda parte dell’anno», ha dichiarato Gian Primo Quagliano, presidente del Centro Studi Promotor.

A sorpresa il 13 maggio scorso il ministero dello Sviluppo economico ha attivato nuovi incentivi auto destinati alle vetture con emissioni di CO2 comprese tra 0 e 135 g/km, ma i cinque milioni sono andati a ruba nel giro di poche ore

Per i comuni

Saranno stanziati circa 600 milioni per i Comuni da destinare agli sconti Tari per le attività che non fatturano da mesi. Ai sindaci saranno destinati anche 500 milioni per i buoni per la spesa, gli affitti e i pagamenti delle utenze domestiche delle famiglie in difficoltà. «Con il Decreto istituiamo un fondo per i Comuni che sono in deficit strutturale e hanno utilizzato anticipazione di liquidità. Per loro rinviamo ulteriormente, di due mesi, i termini per l’approvazione dei bilanci». Ad affermarlo in un post su Facebook è la viceministra all’Economia, Laura Castelli.

Bonus casa per i giovani

Nel decreto è inserito anche il bonus casa per gli under 36 che prevede garanzia statale al 100% sui mutui oltre al l’esenzione dalle imposte di registro, ipotecarie e catastali e il taglio delle imposte sostitutive sui finanziamenti fino al 31 dicembre 2022.

Agroalimentare: 2 miliardi per lo sviluppo

Sono poi state approvate in Consiglio dei ministri le misure proposte dal ministro dell’Agricoltura, Stefano Patuanelli, in materia di agricoltura. I provvedimenti adottati , riferisce una nota del Mipaaf, vedono circa 2 miliardi di euro destinati a sostenere e rilanciare il settore agricolo e l’occupazione di giovani e donne, a cui vanno aggiunte una serie di misure di semplificazione amministrativa. Oltre agli ulteriori indennizzi a fondo perduto per le aziende agroalimentari, le misure più importanti per il settore riguardano il bonus per i lavoratori stagionali, gli stanziamenti per sostenere gli strumenti di gestione del rischio, gli indennizzi per le gelate, oltre ai sostegni al settore della pesca.


Scuola: concorsi semplificati per 3 mila professori

Novità anche sul fronte scuola. Nel decreto si legge di concorsi semplificati per il prossimo anno scolastico per immettere a ruolo circa 3mila prof delle materie scientifiche e tecnologiche (Stem). Le classi di concorso interessate sono Fisica, Matematica, Matematica e fisica, Scienze e tecnologie informatiche. In particolare si prevede un’unica prova scritta con più quesiti a risposta multipla, volta all’accertamento delle conoscenze e competenze del candidato sulle discipline della classe di concorso o tipologia di posto per la quale partecipa, nonché sull’informatica e sulla lingua inglese e una prova orale.

 

Franceschini: un nuovo welfare per lo spettacolo

«Una giornata storica per il settore dello spettacolo. Con il ministro del Lavoro Orlando abbiamo portato in Consiglio dei Ministri un pacchetto di misure significative per assicurare adeguate tutele assistenziali e previdenziali ai lavoratori dello spettacolo e correggere le numerose storture emerse negli ultimi anni e divenute non più sostenibili soprattutto dopo la pandemia». Così il ministro della Cultura, Dario Franceschini sulle norme del decreto Sostegni bis che rafforzano le tutele dei lavoratori dello spettacolo. Si va dalle indennità di maternità a quelle per la malattia, dall’assicurazione contro gli infortuni e le malattie professionali al sistema pensionistico. Senza dimenticare l’introduzione di una nuova indennità di assicurazione per la disoccupazione involontaria (Alas).

Assunzioni di medici per la sicurezza sul lavoro

«Nel nuovo decreto legge Sostegni abbiamo previsto l’assunzione a tempo indeterminato di una prima quota di medici e tecnici della prevenzione nei luoghi di lavoro. E’ un segnale giusto proprio oggi, nel giorno in cui ricorre il 41esimo anniversario dello Statuto dei lavoratori, una delle norme più importanti del nostro Paese». Lo ha scritto sui social il ministro della Salute, Roberto Speranza

Torna in alto