Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Sede di Canelli

Agosto 29, 2012

Sede di Canelli

   

Sede di Moncalvo

Agosto 29, 2012

Sede di Moncalvo

Servizi e consulenze

Giugno 16, 2013

Servizi e consulenze

Ai propri Associati, l' ASCOM presta gratuitamente, o a condizioni di assoluto favore, un pacchetto ...

Nasce il Governo M5S-LEGA. Conte premier,Tria all'Economia


A quasi tre mesi dalle elezioni e a un passo dal ritorno alle urne Luigi Di Maio e Matteo Salvini, che saranno ministri e vicepremier,

siglano l'accordo al termine di un lungo faccia a faccia alla Camera. A sbloccare l'impasse è soprattutto un cambio di ruolo di Paolo Savona, il professore anti-euro cui Sergio Mattarella aveva negato l'Economia: avrà la delega alle Politiche europee.
"E' stato raggiunto l'accordo per un governo politico M5s-Lega", recita la nota di Di Maio e Salvini: "Lavoreremo intensamente per realizzare gli obiettivi del contratto, lavoreremo con determinazione per migliorare laqualità di vita di tutti gli italiani", sono le prime parole di Conte da premier, dopo aver letto al Quirinale, tre ore più tardi, la lista dei suoi ministri. "Si è concluso un complesso itinerario", chiosa il capo dello Stato.
Nasce un governo politico, dunque. Un governo giallo-verde. Con Di Maio e Salvini vicepremier. E due professori, Conte e Tria, a Palazzo Chigi e via XX Settembre. Nascerà ufficialmente, all'inizio della prossima settimana, con il voto di fiducia in Parlamento di M5s e Lega. Dice "No" Forza Italia, che annuncia "battaglia per i cittadini". E annunciano un'opposizione dura Partito democratico e Liberi e uguali: "Costruiremo l'alternativa - dice Maurizio Martina - al governo populista e di destra che ha un programma pericoloso, antieuropeo e iniquo".
Fratelli d'Italia, che era disponibile al "sì" alla fiducia, sceglie la linea dell'astensione. "Per patriottismo - dichiara Giorgia Meloni - diamo una mano perché l'Italia è sotto attacco e non ci possiamo permettere il voto a luglio".
Alla fine, ecco la quadra: Savona viene spostato al dicastero senza portafoglio degli Affari europei. Per l'Economia spunta Tria, preside della facoltà di Economia di Tor Vergata, professore che ha lavorato con Renato Brunetta, è "tiepido" sull'euro e sostiene la Flat tax anche a costo di aumentare l'Iva.
Agli Esteri arriva Enzo Moavero Milanesi, una vita nelle istituzioni europee e già ministro all'Ue con Monti e Letta. Affiancherà Conte a Palazzo Chigi, con il delicato incarico di sottosegretario alla presidenza, il leghista Giancarlo Giorgetti.
Salvini sarà ministro all'Interno, Di Maio prenderà il super-dicastero di Lavoro e Sviluppo Economico (dovrebbe chiamarlo "Welfare"). Alla Difesa Elisabetta Trenta, Alla Giustizia Alfonso Bonafede (M5s), Giulia Grillo (M5s) alla Sanità, Riccardo Fraccaro (M5s) ai Rapporti con il Parlamento, alle Infrastrutture Danilo Toninelli (M5s), Marco Bussetti (M5s) all'Istruzione, Alberto Bonisoli (M5s) ai Beni Culturali.

 

Torna in alto