Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Sede di Canelli

Agosto 29, 2012

Sede di Canelli

   

Servizi e consulenze

Giugno 16, 2013

Servizi e consulenze

Ai propri Associati, l' ASCOM presta gratuitamente, o a condizioni di assoluto favore, un pacchetto ...

Sede di Moncalvo

Agosto 29, 2012

Sede di Moncalvo

Sangalli: "diciamo sì allo sviluppo, sì agli investimenti strategici"

Il presidente di Confcommercio ha sottolineato che "per l'economia dei servizi la Torino-Lione sarebbe uno straordinario valore aggiunto".

"Le carenze infrastrutturali costano all'Italia circa 34 miliardi di euro l'anno in termini di Pil".
"Oggi siamo qui per dire sì allo sviluppo. Sì agli investimenti strategici. Sì a un Paese che sa andare oltre le proprie fragilità strutturali". Lo ha affermato il presidente di Confcommercio, Carlo Sangalli, parlando a Torino nel corso dell'iniziativa "Infrastrutture per lo sviluppo. Tav, l'Italia in Europa". 'Oggi il tempo necessario per compiere la tratta Torino-Lione è di poco inferiore alle 4 ore e nel 2030, con la nuova infrastruttura, scenderà a meno di 2, così da connettere il nostro Paese all'Europa. Con la Torino-Lione si completerebbe, insomma, quella 'Metropolitana d'Europa' in grado di integrare ulteriormente e naturalmente il nostro Paese anche nei flussi turistici e commerciali europei, ha aggiunto Sangalli. "Al di là dei passeggeri che si riconvertirebbero al treno da altri mezzi di trasporto (si parla di due milioni e mezzo di viaggiatori) con significativi effetti sull'impatto ambientale, ci sarebbe sicuramente un aumento importante di flussi", ha continuato il presidente di Confcommercio, sottolineando che "proprio per l'economia dei servizi - che non lo dimentichiamo: vale due terzi del Pil e il 40% dell'occupazione del nostro Paese - la Torino-Lione sarebbe così uno straordinario valore aggiunto". Per Sangalli, "insieme a Torino, la stessa Milano capitale del terziario avanzato, sarebbe infatti finalmente e pienamente connessa all'Europa", tanto più che "quella che abbiamo davanti è troppo spesso l'immagine di un Paese fragile, come abbiamo visto in occasione della tragedia del ponte di Genova, che si salva solo grazie alla tenuta delle comunità, del volontariato, dei cittadini, degli imprenditori. Ma la buona volontà non basta quando i costi sono enormi. Le carenze infrastrutturali e le conseguenti inefficienze logistiche e limiti di accessibilità costano, infatti, all'Italia circa 34 miliardi di euro l'anno in termini di Pil. Si tratta di un 'mobility divide' che ogni imprenditore si porta oggi sulle spalle, nella competizione globale", ha concluso Sangalli.

Torna in alto