Menu

ascomalogo reteimpreseitalia

Confcommercio Asti

Ufficio Paghe Informa - Bonus 80 euro

Il Decreto Legge n. 66 del 24 aprile 2014 ha istituito il cosiddetto "bonus 80 euro" mensili ovvero 640 euro annuali.


Pertanto, a partire dal mese di maggio 2014, verrà inserito in busta paga l'importo del bonus in via automatica senza necessità che sia prodotta alcuna richiesta da parte dei lavoratori beneficiari.
Poiché il riconoscimento del bonus è subordinato al rispetto di un limite di reddito complessivo (non superiore a 26.000 euro), al raggiungimento del quale concorre non solo il reddito di lavoro dipendente e/o assimilato corrisposto dal datore di lavoro che effettua la verifica di spettanza del bonus, ma anche eventuali redditi posseduti dal lavoratore (es. altri rapporti di lavoro intercorsi nel 2014, redditi da terreni e da fabbricati escluso quello relativo all'abitazione principale, redditi di capitale, di lavoro autonomo, redditi di capitale, ecc), è fondamentale che i dipendenti comunichino al datore di lavoro qualora non ne abbiano diritto richiedendone la non applicazione. A tal proposito, si allega un'informativa che riassume quanto previsto dalla normativa in vigore ed il fac-simile della richiesta di non applicazione del bonus.
Preme evidenziare che, qualora il lavoratore percepisca indebitamente il bonus, in sede di dichiarazione dei redditi verrà automaticamente recuperato.
Si evidenzia, in ultimo, che i datori di lavoro compenseranno il credito derivante dal bonus sul Mod. F24 in scadenza.

In allegato l'informativa per il dipendente e il modello per la comunicazione ai fini del riconoscimento del bonus.

Torna in alto